Grazie alla collaborazione di The Felix Project, la nuova mensa comunitaria aprirà le sue porte a Giugno e continuerà a lavorare anche dopo la chiusura del festival 

Food for Soul, la ONLUS fondata dallo chef Massimo Bottura, unirà le forze con The Felix Project, una no-profit londinese, per istituire il suo secondo progetto internazionale. La partnership culminerà a Giugno con l’apertura del Refettorio Felix,  una mensa comunitaria che replicherà i progetti Food for Soul di Milano, durante l’Expo2015, e di Rio de Janeiro, durante le scorse Olimpiadi.

Il progetto prevede la trasformazione di una struttura già esistente a Londra, la cui locazione verrà presto svelata, a cura dell’illustre studio di design d’interni StudioIlse, che vanta progetti come il ristorante Mathia Dahlgren di Stoccolma e la Soho House di New York. Il lavoro dello studio è definito dalla missione di “mettere i bisogni e i desideri umani al centro di tutto”. Il risultato sarà una sala da pranzo curata e accogliente, completa di una cucina professionale in cui gli chef ospiti cucineranno a partire dal surplus alimentare fornito da The Felix Project.

Durante il London Food Month, il Refettorio Felix servirà il pranzo dal Lunedì al Venerdì ai senzatetto e alle persone in condizioni di vulnerabilità sociale della città. Si punta a servire più di 2000 pasti, utilizzando cinque tonnellate di cibo recuperato. Più di 30 chef britannici e internazionali hanno già accettato la chiamata alle armi di Massimo Bottura, in attesa di molti altri che si uniranno allo staff di cucina e ai volontari per cucinare al Refettorio Felix. La loro expertise sarà essenziale per trasformare ingredienti destinati alla discarica in un menu di tre portate da servire agli ospiti. “Gli chef sono ormai celebrità”, ha commentato Massimo Bottura. “Credo sia il momento, per noi, di utilizzarla per far luce sulle problematiche più preoccupanti della società contemporanea. Cucinare è un appello ad agire.”

L’estetica inclusiva del Refettorio Felix, insieme all’utilizzo di piatti e posateria di qualità e un servizio al tavolo simile a quello del ristorante, costituisce un invito a pensare al nutrimento da un punto di vista olistico: che sia per il corpo, ma anche per l’anima. Più che servire un pasto caldo, Food for Soul mira a ricreare un senso di dignità intorno al tavolo, così come lo stesso Bottura crede: “Un buon pasto condiviso con gli altri è più della somma dei suoi ingredienti; è un gesto d’amore.”

Dopo la chiusura del festival, che animerà la città di Londra lungo tutto il mese di Giugno, Refettorio Felix resterà operativo grazie al supporto di Food for Soul e The Felix Project. Continuerà a servire pasti preparati da due chef del team, supportati mensilmente da uno chef ospite. Lo spazio verrà inoltre utilizzato per ospitare eventi, workshop e programmi di imprenditoria sociale al fine di includere la comunità locale nella sua totalità nella lotta contro lo spreco alimentare.